Minimi retributivi 2024

Nuovi minimi retributivi 2024

Come ogni anno nel mese di gennaio, il Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali ha reso noti gli aumenti delle retribuzioni minime contrattuali per i contratti del settore domestico: colf, badanti, baby-sitter.

I nuovi minimi sono validi dal 1° gennaio 2024 e la buona notizia è che le variazioni decise sono limitate rispetto a quanto avvenuto lo scorso anno. Per la quota stipendio si è convenuto un aumento del +0,56% per la quota retributiva. Per l’indennità di vitto ed alloggio l’incremento è appena più elevato fermandosi al +0,7%.

Come sempre i datori di lavoro sono tenuti ad adeguare gli importi in busta paga solo se la paga prevista dal contratto dovesse risultare più bassa rispetto al minimo contrattuale 2024. Chi invece già nel 2023 superava i valori previsti non è obbligato a riconoscere gli aumenti.

Alcuni esempi pratici

La paga oraria base lorda per una badante che assiste di giorno una persona non autosufficiente passa da € 7,79 a € 7,84. Questa variazione implica che per un contratto a 20 ore settimanali ci sarà un aumento di stipendio lordo mensile di poco più di 3 euro. Per contratti da 40 ore settimanali la retribuzione media salirà di circa 7 euro al mese.

Nel caso di servizi in convivenza la paga mensile base per l’assistenza a persona non autosufficiente passa da 1120,76 a 1127,04, anche qui l’aumento mensile è di poco superiore ai 6 euro. L’indennità base per il vitto ed alloggio passerà da € 6,47 a € 6,52 al giorno.

Anche le indennità dovute quando sono presenti più persone da assistere aumentano di conseguenza. Nel caso di una baby-sitter che cura due o più bambini di età inferiore ai 6 anni la paga oraria minima deve essere aumentata di € 0,79 all’ora. Se convivente ha diritto ad un’indennità mensile minima pari a €130,78. Per le badanti di persone non autosufficienti la paga oraria minima deve essere aumentata di € 0,66 all’ora, se conviventi l’indennità mensile minima è pari a € 112,97.

Consulenza gratuita

Nelle nostre agenzie puoi richiedere una consulenza contrattuale gratuita per verificare che tu stia rispettando i livelli retributivi minimi da contratto, oppure per valutare quali sono i nuovi costi mensili minimi previsti per l’anno 2024.

Una nota importante: per poter definire il costo totale a carico del datore di lavoro nel 2024 manca ancora la nota dell’INPS con la quale vengono comunicati gli importi dei contributi. Non appena sarà disponibile potremo fare tutti calcoli sul costo del lavoro completo per l’anno in corso.